Marzia

Marzia

Descrizione autore Marzia

 

Ascolta il profumo del cielo, i colori della terra, è l’autunno che avanza.
– Stephen Littleword –

Chi mi conosce, sa che adoro l'estate (l'avevo scritto anche nella mia presentazione - clicca QUI) e ogni anno con l'arrivo dell'autunno, lo confesso, mi giunge un po' di nostalgia, e quindi mi ritrovo a far esercizio mentale per accettare l'arrivo della nuova stagione. E in effetti ce ne sono tanti di buoni motivi per potersi entusiasmare con l'arrivo dell'autunno. Lascio da parte la riflessione che le ore di luce pian piano caleranno, e faccio spazio a pensieri positivi e a organizzare nuovi viaggi con il camper che si sposino bene con l'autunno e le nostre passioni. Eccone alcuni....

Castagne, tartufi, funghi e non solo

Siamo amanti della buona cucina, lo ammettiamo che per noi non è solo fare scorpacciate, ma siamo veri e propri appassionati di saperi e sapori, gustare e assaporare cibo e vini nelle loro terre d'origine, conoscere come si fanno e la loro storia. Quindi BENVENUTO AUTUNNO per i sapori tipici e le sagre che questa stagione offre: tartufi, funghi, castagne, vino novello, mele, zucca e tanto altro!

 

E' tempo di foliage!

Chi ama la fotografia, come noi del resto, sa bene che l'autunno è la stagione che regala emozionanti cromatismi che nessun'altro periodo dell'anno offre. Quindi sfoderiamo le nostre macchine fotografiche e andiamo alla ricerca di immagini uniche del foliage (si chiama foliage quel fenomeno naturale  per cui alcune specie di alberi in autunno cambiano il colore delle loro foglie, passando dal verde al giallo, l'arancione, il rosso e il marrone). BENVENUTO AUTUNNO per i suoi colori.

Ritmi slow  

Ci avete mai pensato che l'autunno porta a ritmi più lenti? Tralascio la frenesia del ritmo-scuola figli-lavoro, ma penso ai ritmi più slow delle giornate piovose in cui ci si ritrova a trascorre un pomeriggio o una serata sul divano a gustarsi un film o un libro con copertina di pile oppure ci si ritrova con gli amici per una castagnata o una cena accompagnati dal calore di un camino acceso. BENVENUTO AUTUNNO per il piacere di ritrovare gli amici e raccontarsi delle vacanze estive! E' tempo di godersi anche giornata in qualche centro termale a ritmo slow e gustarsi il tepore delle acque termali con il contrasto dell'aria fresca esterna. 

Dovrò rassegnarmi a rimettere la canottiera, appendere le infradita al chiodo ma sto già pensando a uscite con il camper dal gusto autunnale, perché l'autunno ha i suoi lati positivi....

E voi che stagione preferite?!?!

Venerdì, 16 Settembre 2016 10:06

Dammi tre parole: libertà, avventura e natura

Turismo all'aria aperta sinonimo di libertà, avventura e natura. Erano già sensazioni che provavo io, me ne hanno dato conferma gli amici camperisti e campeggiatori. 

Qualche minuto di pausa dallo stand in occasione del Salone del Camper di Parma e mi sono ritrovata a curiosare nel padiglione 2 in cerca di idee e mi sono imbattuta in una foto utilizzata a livello promozionale, nessuna meta o paesaggio straordinario ma che secondo me ben rappresentava il turismo all'aria aperta. L'ho condivisa sul mio profilo Facebook chiedendo agli amici di scrivere la prima cosa che gli veniva in mente guardando quella foto.

La foto rappresenta?

Tanti i commenti di amici camperisti e campeggiatori che hanno risposto alla richiesta di che cosa rappresentava per loro questa foto, ma le parole che si sono maggiormente ripetute sono state:

  • libertà
  • avventura
  • natura

Sono d'accordo con loro, tre parole magiche che racchiudono la vera essenza del turismo all'aria aperta, tre parole che rendono l'idea di chi ha scelto le vacanze in camper, caravan e io aggiungerei anche in tenda, che cosa sta cercando chi non l'ha ancora provato e che cosa è riuscito a realizzare muovendosi con tali mezzi chi già è veterano in questa esperienza.

Libertà da...

La libertà è un concetto semplice, se non ne sai il significato" cantava Malika Ayane e chi ha già provato di viaggiare in camper, caravan e tenda lo sa bene, che questo tipo di vacanza non è soltanto la libertà di non dover sottostare a noiose prenotazioni, ma la libertà di questo modo di viaggiare ha tante sfaccettature che sicuramente non lo rende un concetto semplice. Libertà di poter scegliere di andare dove voglio, quando voglio e come voglio e se non mi piace metto in moto e ho la libertà di cambiare ancora. Libertà di mangiare quando voglio e che cosa voglio. La libertà di aver scelto la libertà del proprio tempo libero.

Avventura è... 

Credo siano pochi gli amici camperisti e campeggiatori che possano vantare avventure simili a quelle realizzate da Indiana Jones, chi indica la parola avventura riferito a ciò che si può realizzare in camper, caravan e tenda è ben altro! Viaggiare con il camper, la caravan e la tenda è quella di non dover sottostare a vacanze preconfezionate in primis. Avventura intesa come scoperta, vacanze attive, che ognuno di noi può costruire scoprendo pianificando l'itinerario e poi chilometro dopo chilometro conoscere gente nuova, paesi nuovi e sconosciuti perché il camperista e campeggiatore diventa parte integrante del territorio ospitante. Ogni volta è un'avventura diversa!

Natura alleata e amica

Molti hanno scelto le vacanze in camper, caravan e tenda perché amano la natura, in senso stretto e in senso lato. C'è chi l'ha scelta perché ama immergersi in contesti naturalistici e quindi con la casa viaggiante è possibile vivere il territorio e godere delle bellezze straordinarie della natura. Tanti hanno scelto questo modo di viaggiare perché amano la natura attraverso gli animali e quindi la versatilità di viaggiare con i propri amici a quattro zampe (e perché no anche a due zampe!!) a bordo ha permesso a tante persone di spostarsi senza dover rinunciare alla loro compagnia. Natura da godere in viaggio con un'andatura slow, ma natura da godere in sosta, natura da godere in ogni attimo della giornata. 

Credo che ogni camperista e campeggiatore abbia nel proprio archivio fotografico almeno una foto dove il proprio mezzo è protagonista immerso nella bellezza della natura!!! Alzi la mano chi di voi non ha ancora fotografato un'alba o un tramonto dal proprio mezzo in sosta?

In questi giorni abbiamo scattato un paio di foto di tramonti qui a Parma in occasione del Salone del Camper, affascinanti immagini realizzate in un banale parcheggio delle fiera che vogliamo condividere con voi, 

tramonto parma salonetramonto salone

 

E come è stato scritto in uno degli ultimi commenti del post di Facebook di cui sopra "Il viaggio continua...."

Venerdì, 09 Settembre 2016 05:29

#truccoeparrucco e restyling camper

Da oggi il nostro camper ha un nuovo look!

Chi mi conosce sa bene che il primo post sul mio profilo di Facebook che scrivo il primo giorno di fiera inizia sempre con #truccoeparrucco, dove naturalmente racconto dei preparativi in camper alle prese con ombretti, matite, rimmel, spazzole e phon.
Questa volta però il #truccoeparrucco l'abbiamo voluto fare anche al nostro camper. Nella parte esterna della mansarda avevamo un adesivo con il logo di vacanzelandia ormai datato, scolorito e da rimuovere.
Quale occasione buona per rifarlo e metterci una nuova immagine?

Presto fatto!

Chiamato la nostra grafica di fiducia e l'azienda serigrafica che ci fornisce ill materiale fiere e in pochissimo tempo, abbiamo ridato un nuovo look al nostro camper. E' stato apposto sulla mansarda un adesivo in PVC opaco e con trattamento resistente ai raggi UVB da limitare il deterioramento.

applicazione adesivo camper vacanzelandia

Non passeremo inosservati...

Una cosa è certa, con questo adesivo non potremmo più viaggiare in anonimato, un bell'adesivo che ritrae le nostre facce (le stesse raffigurate nel logo del blog), ma del resto a noi piacere incontrare i nostri amici e quindi diamo il benvenuto a chi ci riconoscerà e ci darà un colpetto di clacson come saluto oppure a chi si fermerà a chiacchierare con noi.

Aspettiamo i vostri commenti di che cosa ne pensate di questo restyling...mi raccomando: giudizi SINCERI

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la tua vita. [Confucio]

Sono d'accordo in parte con il famoso filosofo cinese, se da un lato ho trasformato la mia passione per il turismo all'aria aperta in un'attività lavorativa, e mi rendo conto che fare ciò che piace e uno dei lavori più belli del mondo, d'altra parte il lavoro è sempre un qualcosa di impegnativo e in certi periodi dell'anno diventa molto più gravoso e stressante.
Essere travel blogger e raccontare di viaggi e tutto ciò che ruota attorno a questo argomento è entusiasmante e positivo,  lavorare a ciò in cui credo ed amo fare è energia allo stato puro, è anche un'ottima opportunità per conoscere nuove persone ed avere nuovi amici, questa è un po' la caratteristica del nostro lavoro. Ma questo però non significa che il tutto non richieda impegno, sforzi e in alcune occasioni possa anche essere molto faticoso e impegnativo.
Il Salone del Camper, che ormai ci vede espositori da cinque anni consecutivi, è un appuntamento annuale a cui ci si lavora per lungo tempo e la presenza in fiera di 9 giorni consecutivi è un periodo molto laborioso, ma vi assicuriamo anche molto entusiasmante.
Che cosa sono le “occasioni di incontro”?
Sul nostro portale vacanzelandia.com le abbiamo sempre indicate come occasioni di incontro ovvero gli appuntamenti a cui noi siamo presenti come espositori e quindi un'opportunità per incontrarsi con gli amici di vacanzelandia.

Utenti? Iscritti? Contatti? NO, AMICI

Quando iniziammo a lavorare al progetto del nostro portale vacanzelandia.com, fu scelta unanime, sia da parte mia che di Lorenzo, e fummo i primi nel settore quella di chiamare i nostri iscritti al portale “amici”, perché abbiamo sempre creduto nei rapporti umani tra noi e chi ci legge e chi ci segue anche quotidianamente sui social network. Abbiamo instaurato con alcuni veri e propri rapporti di amicizia, di condivisione, di interessi comuni. E considerando che gli amici si vogliono conoscere, frequentare e incontrare, quale migliore occasione è quella di vedersi nelle “occasioni d'incontro” delle fiere?!?!

Il Salone del Camper e gli amici di vacanzelandia


Considerando che è la fiera nazionale più importante del settore e conta 120.000 visitatori è l'evento nazionale più coinvolgente del nostro settore e quindi anche per noi è un'opportunità imperdibile per incontrare il maggior numero di amici di vacanzelandia. Un vero piacere rivederli, incontrarli e parlare delle proprie vacanze, della propria vita, delle proprie passioni, Ci si incontra al nostro stand (vi ricordiamo che quest'anno saremo al padiglione 2 stand L 046) per una bella chiacchierata e come di consueto, ormai abitudine conosciuta da chi ci segue, è quella della foto-ricordo...
Questa convivialità della manifestazione ci rende piacevole questo nostro impegno lavorativo, un connubio tra lavoro e un'occasione per una “rimpatriata tra amici”!

E quindi #countdown iniziato e " in posa, cheese, selfie!"

Martedì, 06 Settembre 2016 08:09

Quando la corrente manca, il camper c'è!

Anche questa volta il camper ci è stato di vero aiuto....

L'avevamo già compreso nel 2012 in occasione del terremoto dell'Emilia, che il camper aveva delle potenzialità eccezionali, trasformandosi da mezzo ricreazionale a dimora sicura nel periodo delle scosse e dello sciame sismico; e anche oggi ci è venuto ancora una volta in aiuto.... 

COME?

Qualche giorno fa ci è stato comunicato che nella giornata di oggi (6 settembre) ci sarebbero stati disagi, in quanto dovevano intervenire per manutenzioni straordinarie nel nostro quartiere per ripristinare problemi elettrici, quindi un black-out della corrente elettrica.
A 4 giorni dal Salone del Camper, questo disagio ci avrebbe causato una serie di problemi in quanto lavorando in questi giorni full time in ufficio, essere senza corrente per un giorno significava essere SENZA COMPUTER.....Da panico!

CHE FARE?

Abbiamo pensato che il camper poteva venirci in aiuto e trasformarsi da veicoli ricreazionale a temporaneo ufficio. Abbiamo portato i nostri due PC portatili in camper collegati alla 12 volt e il tutto si è risolto, consentendoci di lavorare a pieno ritmo.

 

Chissà quanti altri usi ha il nostro amato camper che non abbiamo ancora sperimentato?

 

 

 

Che cosa hanno in comune il Salone del Camper, la scuola e lo shopping?

Ogni anno vorrei arrivarci meno affannata, ma ormai è già una storia scritta, vissuta e rivissuta che si rinnova.
Dal 2012 siamo espositori con la nostra attività del portale web vacanzelandia.com al Salone del Camper. E immancabilmente tutti gli anni nei giorni precedenti all'inizio della manifestazione è un sovrapporsi di impegni che vanno dall'organizzazione per l'inizio dell'anno scolastico di Filippo e naturalmente tutto ciò che riguarda lo stand, i cataloghi, allestimento, novità, nonché lo shopping!
Ora vi racconto che cosa succede la settimana prima del Salone del Camper.

SONO LAVORATRICE (salone del camper)

Il Salone del Camper è la manifestazione più importante del nostro settore, una kermesse internazionale a cui ci si deve arrivare preparati e bene! Quindi, i giorni antecedenti all'inizio di questo evento c'è un lavoro intensissimo (parallelo a quello quotidiano) fatto di organizzare l'allestimento stand, verificare le grafiche per cataloghi, ordinare flyer, adesivi e naturalmente coordinare i vari fornitori che vengono coinvolti in questi preparativi. E vi assicuro che ogni anno c'è un imprevisto che sconvolge il normale iter dei preparativi. Il motto di Lorenzo che vuole trasmettermi il suo ottimismo è “ce l'abbiamo sempre fatta, ce la faremo anche quest'anno!”

 

SONO MAMMA, DI FIGLIO UNICO! (scuola)

Apprensiva? Meticolosa? Attenta? O forse tutte tre le cose, ma sta di fatto che il Salone del camper ogni anno coincide con l'inizio delle scuole, quindi l'organizzazione (acquisto libri, abbonamento pullman ecc.) a questo inizio di anno scolastico, un sovrapporsi di preparativi scuola/lavoro.

 

THE LAST BUT NOT THE LEAST: SONO DONNA! (shopping)

Lo ammetto, sono vanitosa! Mi piace quella ricerca dell'accuratezza nell'estetica che non significa spendere tanti i soldi per il look, ma essere ordinata e rinnovarmi nel guardaroba. Quindi ogni anno per il Salone del Camper, mi piace fare shopping. Se considerate che la manifestazione dura 9 giorni, quindi abbigliamento per il giorno, qualcosa per la sera....degli outfit ne servono! Pertanto, tra ultimi saldi, qualche serata “sbaracco” (da noi esistono, non so da voi, sono quelle serate dove i negozi svendono i capi a prezzi concorrenziali), nuovi arrivi....l'occasione è buona per lo SHOPPING...ma richiede anche questo tempo!

 E quindi? Un bel respiro forte e via con entusiasmo verso i preparativi...

Mercoledì, 31 Agosto 2016 09:46

Benvenuti nel nostro BLOG

Ci teniamo a darvi il BENVENUTO SUL NOSTRO BLOG! 

Era in progetto da tempo di poter avere un salotto (idealmente una dinette o veranda virtuale ), un punto d'incontro dove trovarsi, farvi conoscere chi siamo, come lavoriamo, come viviamo nella vita privata.  Raccontarvi delle nostre passioni, esperienze, riflessioni, ma anche uno spazio dove avere un'interazione attiva con voi attraverso i vostri commenti. Ecco perché abbiamo aperto questo BLOG!

Questo blog è la "parte umana" del nostro portale vacanzelandia.com, dove due appassionati viaggiatori camperisti e campeggiatori sono diventati professionisti nel settore del turismo all'aria aperta, ma nella vita quotidiana sono marito e moglie e genitori, quindi troverete articoli inerenti alla nostra professione, ma anche alla nostra quotidianità!

 

BENVENUTI NELLA NOSTRA DINETTE (o veranda) VIRTUALE!

Marzia & Lorenzo

Lunedì, 29 Agosto 2016 09:24

50 anni: una tappa o una nuova velocità?

50 anni: una tappa o una nuova velocità?

Mezzo secolo di vita, si fa bilancio e ci si chiede se è una tappa o è arrivato il momento di cambiare la velocità della vita!?!

Per me compiere gli anni è sempre un giornale speciale, non è come il Natale o la Pasqua che tutti festeggiano, il giorno del MIO compleanno e una festa tutta MIA.

Come festeggio?

mio compleanno 50 anni 2

 

Nulla di speciale, quasi sempre è family style, poi si esce con le amiche del cuore e si festeggia in semplicità.

Quest'anno era da un po' che ci pensavo, l'anno del passaggio del decennio mi ritrova sempre a fare bilancio a soffermarmi sugli aspetti della vita, di come sono, di come vorrei essere, una riflessione tra passato e presente, quasi sempre mi ritrovo a fare i conti della vita.

Un mesetto prima di compiere gli anni, ne parlavo una sera in compagnia e un amico, di 3 anni più “grande” di me, mi ha fatto riflettere su tante cose di questa nuova tappa del “mezzo secolo”.

NUOVE RIFLESSIONI

Mi sento ancora piena di energia, voglia di fare, ho accumulato una buona esperienza della vita, vedo le cose con un'altra prospettiva, però "non sono più una ragazzina".

L'amico di cui sopra mi ha fatto riflettere che compiere 50 anni significa che se tutto andrà bene, potenzialmente non si avrà più l'opportunità di avere il doppio di vita già vissuta e quindi è giunto il momento di vivere ogni giorno al meglio e non sprecare il proprio tempo.

A 50 anni, esperienze positive e/o negative hanno lasciato la loro impronta, nel bene e nel male, tante cose si stanno appianando, delineando, definendo.

E QUINDI...?

Forse è arrivato il momento di cambiare velocità, rallentare i ritmi per godersi di più la quotidianità. E' come quando si viaggia a velocità più contenuta, come è anche il nostro stile di viaggiatori “slow” e si ha la possibilità di apprezzare il paesaggio circostante, si è più rilassati per far chiacchiere, si è più concentrati ad ascoltare la musica in sottofondo, si lascia spazio ai pensieri e a tenere in considerazione anche le piccole cose che ci circondano. Scegliere ciò che piace e soprattutto frequentare chi ci fa stare bene!

Allora, da oggi ingrano la marcia giusta e inizio a viaggiare con la velocità dei 50!

 

 

E voi amici/amiche cinquantenni (e +) come avete vissuto questo passaggio?

Lunedì, 29 Agosto 2016 08:59

A 42 anni una scelta che mi cambiò la vita

Ecco come cambiò la mia vita a 42 anni

Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle.

(Denis Waitley)

  

 

Oggi vi voglio raccontare la storia di come diventai travel blogger e la mia vita cambiò radicalmente sia a livello lavorativo che a livello famigliare. Una scelta decisiva per poter “rinascere”.

Il primo amore non si scorda mai!

 

Dal 2002, ad un anno dalla nascita di nostro figlio Filippo, erano cambiate tante cose, ero rientrata al lavoro dopo la maternità e diventando madre, per una lavoratrice dipendente non è cosa da poco, soprattutto agli occhi dei superiori che spesso ti trattano di serie “B” (o anche C, D, ecc.). In contrapposizione a questo disagio lavorativo, proprio nello stesso anno, qualcosa era cambiato nella vita privata, qualcosa di più emozionante: il nostro modo di viaggiare, il tutto grazie all'acquisto del nostro camper e vi assicuro fu AMORE A PRIMA VISTA! Da quel momento, la mia passione per i viaggi, già nel mio DNA fin da bambina, si trasformò cambiando modalità, infatti prima per le vacanze si utilizzano i B&B, i bungalow, le case in affitto, ora il camper era il protagonista di tutta la nostra quotidianità, ne parlavamo anche quando non lo usavamo! Da lì iniziò il periodo di scrittura e mappatura di tutti i nostri itinerari, mi piaceva conservarli, rileggerli e custodirli come un vero e proprio patrimonio.

 

Pronti, partenza ….VIA! LA SVOLTA

 

Nel 2008, avvenne la svolta. All'epoca lavoravo da oltre 15 anni presso un'azienda metalmeccanica multinazionale, mi occupavo di import dall'India e Paesi dell'Est, ormai al lavoro da tempo non trovavo più né stimoli e soprattutto i continui conflitti con i superiori mi avevano talmente logorato, che vivevo le mie giornate con l'incubo di dover trascorrere le mie ore presso quell'azienda. Ero morta dentro e lavoravo senza passione e soprattutto senza credere a ciò che facevo. L'unica soddisfazione in quel periodo era la mia famiglia e il camper che mi permetteva di “fuggire” almeno nei week-end dagli stress della settimana.

 

Era da tempo che Lorenzo ed io maturavamo l'idea di poter far qualcosa di nostro, di condividere la nostra passione per i viaggi e renderla fruibile a chi cercava informazioni, io pubblicando i diari di viaggio e le ricette in camper e Lorenzo i suoi lavoretti fai date di miglioria, manutenzione e riparazione sul camper. E quando si lavora come dipendenti chi ha il tempo di farlo!?!?!?

Parlando con un'amica, titolare di un'azienda commerciale, mi spronò a pensarci seriamente come attività lavorativa, perché il futuro sarebbe stato, soprattutto nel settore turistico, dei siti/blog di informazione vissute in prima persona e soprattutto dove i travel blogger condividono la propria esperienza e ci “mettono la faccia” nel dare consigli ed opinioni su itinerari, servizi, prodotti ecc. E secondo noi nel settore del turismo all'aria aperta mancava proprio un sito di informazione che avesse queste caratteristiche.

 

Avevo preso contatti nel periodo precedente sulle formalità di come aprire la partita IVA, inquadramenti vari e burocrazie necessarie, ma il momento che decisi che da lì in poi la mia vita sarebbe cambiata fu al rientro da un'uscita camper, lo ricordo bene, era l'ottobre del 2008, eravamo stati a Soave alla 1° Festa Nazionale del Pleinair Bandiere Arancioni.  Non so che cosa mi scattò in testa quella sera, ma una cosa era chiara: VOLEVO CAMBIARE VITA!

Il giorno dopo presentai la lettera di dimissioni e il 31 dicembre 2008 terminai il mio lavoro da dipendente, capivo che la strada da percorrere era tutta in salita, ma era il momento di “rimettersi in gioco” e cambiare vita!

Fino a quel momento non avevo mai avuto il coraggio di farlo, la paura di non farcela e di non esserne all'altezza prendeva il sopravvento sullo slancio di cambiare.

 

Iniziò il periodo di riorganizzare la mia giornata ed il mio nuovo lavoro, ma questa è un'altra storia....

Ecco come cambiò la mia vita a 42 anni

Venerdì, 19 Agosto 2016 13:37

Chi sono? Eccomi QUI raccontata!

Chi sono? Eccomi QUI raccontata!

 

3 cose di me: iperattiva, solare, perfezionista

Dicono di me: che il mio sorriso è il mio biglietto da visita

Il mio motto: "una vita sola non mi basta per scoprire tutto ciò che vorrei fare".

Ringrazio mio padre e Lucia, la mia maestra, che mi hanno dato l'opportunità di far emergere la mia voglia di viaggiare già scritta nel mio DNA.

Adoro viaggiare, scrivere e raccontare, cucinare e pasticciare in cucina, fotografare e tutte queste passioni le ho unite per trasformarle in un lavoro che amo e porto avanti con caparbietà e grande slancio.

Raccontarsi e parlare di sé non è facile, si rischia di essere troppo superficiali o troppo dettagliati e prolissi, ci provo e vediamo che cosa riesco a trasmettervi di me.

Sono nata nel cuore dell'Emilia a CENTO (conosciuta da molti per il famoso Carnevale e da pochi per la città natale del famoso pittore, il Guercino), in estate (la mia stagione preferita) nel 1966, segno zodiacale Vergine ascendente Leone, dal primo spicca la mia maniacale precisione e del secondo l'ambizione e la vitalità.

Mio padre e la mia maestra

Credo che la mia voglia di viaggiare e scoprire il mondo fosse già scritta nel mio patrimonio genetico, ma mio padre e la mia maestra mi hanno stimolato a capire questo.
Mio papà era un operaio trasfertista, lavorava in giro per l'Italia, non visitava nulla, costruiva e sgobbava, ma a me affascinava questo suo lavoro che ogni giorno aveva uno scenario diverso, il lavorare in posti sempre diversi.
Uno dei tanti ricordi della mia maestra elementare, che conservo come l'inizio di una scoperta meravigliosa, era il mio quadernone di geografia che ci faceva costruire giorno dopo giorno, regione dopo regione con cenni ed approfondimenti; noi lo dovevamo completare con immagini di luoghi, prodotti tipici e monumenti. Mi innamorai di tanti luoghi, a me sconosciuti, uno catturò il mio fascino di bambina e promisi a me stessa che lo avrei visitato. Era il Tempio della Concordia di Agrigento, lo visitai in occasione del nostro viaggio di nozze in Sicilia e ricordo che mi commossi nel vedere un sogno finalmente realizzato.

 

Studio, viaggio e lavoro, ma...

Come indirizzo per le scuole superiori scelsi quello commerciale-linguistico, volevo diventare hostess per lavorare e vedere il mondo. Quando mi diplomai nel 1985 scoprii che per accedere a tale impiego bisognava avere una statura non inferiore ad una certa altezza, non portare occhiali e saper nuotare....io non rispondevo in nulla a questi requisiti. Rimasi un po' delusa ma capii che per viaggiare e conoscere il mondo c'erano tanti altri modi e non solo quello di diventare hostess.

Da grande vorrei viaggiare!

marzia parigi definitiva

Iniziai a viaggiare dopo aver ottenuto il diploma, da sola, con gli amici, con il mio primo fidanzato, in treno, auto, aereo, viaggi itineranti e non, dormendo nei B&B presso famiglie.... Ogni volta un crescendo di emozioni e scoperte che appagavano la mia smania di conoscerescoprire e vedere (qualcosa di più approfondito l'ho scritto QUI).

Lorenzo & io

dio li fa poi li accoppia

Un uomo non è sempre e soltanto un compagno di vita, può diventare anche colui con cui condividere passioni, sogni e desideri, racconto di noi nell'articolo “Dio li fa poi li accoppia”.
Tanti progetti insieme, dalla nascita di Filippo nel 2001, poi con l'acquisto del camper nel 2002 “ecco come siamo diventati camperisti” e da lì è veramente iniziata la nostra nuova era famigliare.

Cambio vita a 42 anni

new life 1

Nella mia vita dopo la nascita di Filippo c'erano cose che andavano ed altre meno, così decisi come donna matura di 42 anni di dare una svolta e cambiare. Decisi veramente di cambiare radicalmente la mia vita, l'ho raccontato QUI. E da lì in avanti ci furono tante evoluzioni dal travel blog Vacanze Pleinair, che spiego in questo articolo QUI e poi con la successiva svolta di Lorenzo che sarebbe diventato partner anche del mio lavoro, da un sogno, un'idea e un progetto nacque Vacanzelandia, che abbiamo raccontato in questa storia (clicca QUI).

 

Presente e futuro

passione credo volonta

 

Lorenzo ed io siamo entrambi testardi, ma soprattutto crediamo a quello che facciamo, siamo animati da “Passione, credo e volontà, il nostro motto che ci permette di combattere ed accettare ogni sfida.

Continuiamo giorno dopo giorno a credere in ciò che abbiamo creato, sentiamo il progetto di Vacanzelandia un po' come ad un figlio nostro (e speriamo che Filippo non ce ne voglia per questo confronto!!), frequentiamo corsi, workshop, seminari per crescere e migliorarci.
Grazie a questi mi sono specializzata come social media specialist per poter meglio gestire l'attività di Vacanzelandia e stare più vicina e al meglio con le persone.

E il viaggio della vita continua.....

Benvenuto nel nostro BLOG!

logo caricatura vacanzelandia 02

Ci teniamo a darvi il BENVENUTO SUL NOSTRO BLOG! 

Era in progetto da tempo di poter avere un salotto (idealmente una dinette o veranda virtuale ), un punto d'incontro dove trovarsi, farvi conoscere chi siamo, come lavoriamo, come viviamo nella vita privata.  LEGGI TUTTO

Marzia Mazzoni

marzia orvieto 100

Viaggiatrice nel DNA, camperista, travel blogger, mamma e moglie, adoro fotografare e la buona cucina. WEB dipendente!

Leggi ora i miei articoli

Lorenzo Gnaccarini

lorenzo s

Nato in tenda, cresciuto con la caravan e maturato con il camper. Campeggiatore e camperista, travel blogger, padre e marito, sono curioso, tecnico, sempre connesso.

Leggi ora i miei articoli

Rimani in contatto con noi

newsletter blog

Visita il nostro portale