Venerdì, 13 Gennaio 2017 09:42

Castelli che passione!

Oh che bel castello marcondirondirondello!

Quante volte l'abbiamo cantata da piccoli! Una filastrocca che mi è tornata in mente proprio ora che voglio condividere con voi una delle mie tante passioni: i CASTELLI (di altre mie passioni come pasticciare in cucina, fotografare, degustare e viaggiare in camper ne avevo parlato in un mio post un paio di mesi fa  - "le mie passioni" - clicca QUI).
Quando sia nata questa passione non lo ricordo, forse è dentro di me da sempre, sarà forse riconducibile alle favole che ci venivano lette da piccoli dove una principessa ed un castello c'erano quasi sempre oppure il classico abito di Carnevale che mia madre (sarta) sapientemente cuciva e mi trasformava almeno per quei giorni in una principessa? Boh, non lo so! Sta di fatto che già da piccola guardavo con grande fascino l'imponente Rocca di Cento (cittadina in cui vivo da sempre... a proposito avete letto l'ABC di Cento? Se l'avete perso cliccate QUI); si presenta come una massiccia costruzione che ai miei occhi di bambina mi appariva imponente e confesso che provavo anche un po' di soggezione, forse perché mia madre mi diceva che all'interno della Rocca c'erano le prigioni e chissà la fantasia di una bambina quale timore potesse provocare questa frase?!?!
Poi da adolescente, frequentavo le scuole superiori a Ferrara e ogni giorno ammiravo il bellissimo Castello della città estense, grande fascino con il fossato che lo circonda. Un castello che racchiude storie d'amore, il fantasma di due amanti, la storia dei Borgia intrisa di delitti, intrighi, storie d'amore, scandali e si suppone anche rapporti incestuosi. Quante storie pregne di mistero e fascino mi frullavano nella testa di adolescente?!?! 
Dall'interesse per questi due castelli della mia terra, la passione è aumentata sempre più fino a quando ho iniziato a viaggiare e andare alla scoperta dei castelli è diventato un aspetto quasi morboso, tanto che in quasi tutti gli itinerari ho sempre cercato di inserirne almeno uno! 

C'era una volta il castello!

Dietro ad ogni castello c'è una storia ed una "microstoria". Perché se è vero che le varie epoche di vita di un castello hanno influenzato la costruzione, gli usi e costumi, e l'avvicendarsi degli eventi, quello che mi affascina maggiormente sono le microstorie che si sono vissute all'interno delle mura: amori e tradimenti, strategie militari e di comando, storie di fantasmi e misteri, nobili famiglie che hanno qui vissuto e ospitato personaggi illustri, successioni di poteri, firme di trattati, incontri segreti...insomma c'è tanto da scoprire e conoscere visitando un castello. Ma anche da fantasticare, perché quando visito i castelli (manieri, rocche, ville di campagna, forti militari ecc. ecc.) la mia immaginazione diventa una "macchina da guerra" ed inizia ad elaborare le informazioni lette o ascoltate dalla guida e inizia a immaginare scene che si susseguono nelle sale, nelle torri, nelle prigioni, nelle cantine...mi sembra quasi di essere traslata nel tempo e di vivere l'epoca del castello. Insomma, indosso idealmente i panni di una castellana o di una persona dell'epoca e cerco di rivivere la storia di quel castello (saranno le turbe lasciate dal vestito indossato a Carnevale...chissà?!?!). 

Il più bel castello è?

Come avrete visto dall'immagine di copertina, anni fa (prima dell'esplosione dell'era di internet) mi abbonai ad una raccolta a fascicoli e così collezionai "Castelli d'Europa", i raccoglitori sono in bella mostra nella libreria del nostro salotto. Schede sfogliate, guardate e ammirate innumerevoli volte, con il desiderio utopistico di vedere tutti i castelli, ma l'obiettivo è quello di vederne tanti. Ho visitato i castelli della Loira, i castelli di re Ludwig in Baviera e altri in Germania, quelli in Scozia ma anche tantissimi in Italia sparsi in tutte le regioni, arroccati per renderli inespugnabili oppure immersi in paesaggi  bucolici, lambiti dalle onde mare, ognuno con la sua storia, la sua leggenda legata a personaggi famosi o meno, amori e tradimenti, guerre e battaglie, misteri e curiosità. Per me ogni castello ha il suo fascino, per questo motivo non ho mai pensato quale sia il più bello che abbia visitato, ognuno conserva un qualcosa che lo rende UNICO e  degno di essere RICORDATO e VISITATO! Piccolo o grande, famoso o meno, ognuno conserva una storia di grande fascino. 

 

Mentre scrivo mi chiedo quale sarà il prossimo castello che andrò a visitare...chissà!??! Una cosa è certo: ve lo racconterò su Vacanzelandia! smiley 163510 640

 E a voi piacciono i castelli? Se la vostra risposta è SÌ, raccontatemi come è nata...sono CURIOSA!

Pubblicato in marzia
Lunedì, 14 Novembre 2016 15:24

Le mie passioni

Le passioni arricchiscono la nostra vita e la rendono speciale!

Vi siete mai chiesti che vita sarebbe se non ci fossero le passioni personali? I propri hobby che ci fanno distrarre dal tran tran quotidiano, quegli interessi che ci fanno stare bene. Credo proprio che le passioni siano il sale della vita, ciò che ci fanno andare avanti. Quali sono le vostre passioni? Le mie le avevo accennate anche nella mia BIO e in sintesi le ho condensate nella foto sopra. Ho creato questa foto e instagrammata in occasione di un corso gratuito organizzato dalla travel blogger Silvia di Trippando, intitolato remembernovember - un mese per riscoprirti. E il RememberNovember day 9  chiedeva di parlare delle proprie passioni.... grazie a questo mi è venuto lo spunto anche per questo post.

 

ENOGASTRONOMIA

La cucina di una società è il linguaggio nel quale essa traduce inconsciamente la sua struttura. (Claude Levi Strauss)

Sono curiosa, golosa e mi piace scoprire saperi e sapori della tradizione di un territorio attraverso l'enogastronomia che racconta tante storie. Andando alla scoperta dei prodotti e dei piatti tipici è possibile conoscere meglio la popolazione di un territorio, la sua storia e le sue radici, ma anche la sua economia. Amando viaggiare, mi piace visitare i luoghi andando anche alla scoperta dell'aspetto enogastronomico. Ogni prodotto e piatto tipico ha una storia da raccontare, è una vera e propria forma di turismo culturale avvicinarsi a questo aspetto.
Anni fa frequentai anche un corso di enologia, amatoriale, ma comunque molto interessante, scoprii anche il fascino dei vini, come si producono, il legame con il territorio, la degustazione ma soprattutto anche la storia, perché ogni popolazione nel corso dei secoli ha avuto un legame con la cultura della vite e della sua trasformazione. Avete mai pensato dietro al cibo che portate alla bocca quanta storia, geografia, economia, aspetti sociali e territoriali conserva?

 

CUCINA

"Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare!"  (GUSTEAU - dal film: Ratatouille)

Mi piace "cucinare e pasticciare in cucina" e questa affermazione mi inquadra al meglio. Sono una vera e propria "pasticciona" nel senso buono che mi piace davvero tanto cucinare, ma purtroppo non ho una manualità perfetta e così non riesco mai al meglio a presentare i piatti come vorrei (per fortuna non vengo giudicata alle gare di Master Chef, sarei rovinata!). I miei primi "pasticci" risalgono all'età adolescenziale, quando scoprii questa passione per il cucinare e mia sorella mi regalò il mio primo libro "Dolci per ogni occasione" di Fernanda Gosetti, che nonostante sia invecchiato e sdrucito conservo tutt'ora, e da lì mi accorsi quanto mi dava soddisfazione pasticciare, trasformare, creare cose buone da mangiare!

Che cosa mi piace cucinare? Di tutto! Sono attenta agli acquisti, adoro il BIO, salutista ma non esasperata (mi piace anche sgarrare, lo ammetto!!). Preparo piatti della tradizione, nuove ricette, cose originali ed innovative....sono fortunata che Lorenzo e Filippo sono curiosi e come si dice da noi "di bocca buona" e così ogni mio piatto risulta sempre un successo! Frequento anche corsi amatoriali perché mi piace sempre migliorarmi, anche se rimane una passione "family style" e ho qualche amico cavia che ogni tanto viene ad assaggiare i miei manicaretti...

VIAGGI

Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno. (Guy de Maupassant)

Per la passione dei viaggi ho scritto già  più volte, uno degli articoli in cui racconto un po' la storia è questo e l'ho pubblicato sul nostro portale "Da grande vorrei viaggiare", un qualcosa che sento di aver sempre avuto dentro di me, non vorrei esagerare, ma scritto nel DNA. Sento il desiderio di viaggiare per scoprire il mondo, per conoscere altre culture, altre tradizioni, conoscere la storia attraverso il territorio. Lessi qualche tempo fa che viene chiamata "Wanderlust: la sindrome di chi ha bisogno di viaggiare" e io rispondo in tutto e per tutto agli aspetti di questa "malattia". Mi fa stare bene anche soltanto pianificare e programmare il viaggio, già sfogliare cartine e guide, iniziare ad "imbastire" un itinerario mi rende già di buon umore. Capita anche a voi? Io in viaggio mi sento un'altra e purtroppo quando sto per lunghi periodi (intendo 2/3 settimane) senza trasferte di viaggio mi sento un leone in gabbia, purtroppo!
Da piccola collezionavo cartoline, viaggiavo poco, così sognavo posti lontani attraverso le immagini. Oggi sono fortunata che con la mia professione di travel blogger ho la possibilità di coniugare una mia passione con un lavoro che adoro e mi da tante soddisfazioni. 

 FOTOGRAFIA

Le fotografie possono raggiungere l'eternità attraverso il momento. (Henri Cartier-Bresson)

La mia prima macchina fotografica la acquistai in Germania quando ero ragazza alla pari nel 1986, avevo vent'anni e volevo fermare le immagini belle di quell'età, volevo conservare i ricordi. Il periodo dell'acquisto coincise anche con l'inizio dei miei primi veri viaggi. Era una MINOLTA superautomatica. Ho posseduto poi con il tempo altre macchine fotografiche, ma la vera passione rimane sempre quella di fotografare, oggi mi diverto anche con lo smartphone, mi piace fare anche post-produzione con le varie APP disponibili. Che bello ricordare i momenti attraverso la fotografia!  Fotografare un tramonto, un castello, la natura, i propri ricordi... le emozioni rappresentate in un'immagine! Conservo in una vecchia valigia di cartone anche le foto ingiallite dei miei genitori, che purtroppo ormai non ci sono più, immagini di loro quando erano giovani, della nostra famiglia, mia e di mia sorella quando eravamo piccole e anni successivi.... Se non ci fossero queste foto da guardare, come si potrebbe recuperare vivo il ricordo del passato? Che meraviglia la fotografia!

Se anche tu hai le stesse mie passioni ti aspetto su Facebook ed Instagram dove le condivido e mi confronto con gli altri che coltivano le stesse mie....

fb art

 

Instagram App Large May2016 200

Pubblicato in marzia
Mercoledì, 26 Ottobre 2016 09:04

I love blogging e ne sono orgogliosa!

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione. (Georg Wilhelm Friedrich Hegel)

Vi siete mai chiesti che cosa accomuna tutti i BLOGGER? La risposta è la PASSIONE per qualcosa. Travel blogger per i viaggi, food blogger per la cucina, fashion blogger per la moda/estetica e potremmo andare avanti con l'elenco. Ognuna di queste persone è animata dalla voglia di raccontare e condividere la propria passione attraverso il WEB utilizzando il proprio BLOG* e portale

*per chi non avesse chiaro che cosa è il BLOG: "in internet, identifica un sito simile ad diario personale dove l'autore, chiamato blogger, narra in ordine cronologico avvenimenti, fatti e notizie. Blog è un termine nato dalla contrazione di Web e Log, ovvero internet e diario/traccia. Da semplice diario personale il blog si è trasformato diventando, a partire dal 2004, uno dei principali strumenti ed una delle forme di comunicazione più diffuse in rete." (da http://www.rss-world.info/).

Dario Vignali (blogger ed esperto di internet marketing) scrive che "Sai cosa li accomuna? Hanno tanta personalità. Ne hanno talmente tanta che ne potrebbero venderne un po’ a tutti quanti, e questo è esattamente ciò che fanno."

Personalità e Passione

Io dico passione, Dario Vignali scrive personalità e credo proprio che abbiamo ragione entrambi. Portare avanti un proprio BLOG, un portale o un sito ed essere dei blogger significa avere una propria identità, un proprio stile, diverso dagli altri. Il modo di raccontare, il modo di scegliere di che cosa scrivere, le idee da proporre sono la prerogativa di ogni blogger.

NOI, travel blogger

Io e Lorenzo iniziammo a scrivere nel nostro primo BLOG "vacanze pleinair" nel lontano 2009 (lo raccontammo QUI) amavamo raccontare la nostra esperienza da camperisti. Siamo passati al portale www.vacanzelandia.com, ma la nostra connotazione di travel blogger non è cambiata, ora come allora, anche se lo facciamo come professione principale ci è rimasto lo stesso entusiasmo e la stessa passione che ci ha sempre contraddistinto. Quante volte ci hanno sbattuto la porta in faccia agli inizi della nostra attività perché NON eravamo giornalisti e il nostro portale www.vacanzelandia.com  non era una TESTATA GIORNALISTICA. Mannaggia! Come far capire alle aziende che un blogger racconta quello che ha nel cuore, scrive con emozione della propria passione?!? Non ci siamo mai arresi a credere di essere né di meno né di più dei giornalisti, noi travel blogger siamo una categoria che sono sicura avrà successo, la gente vuole ascoltare e leggere storie vere, vissute condite da passione e da chi realmente vive le esperienze.

Se arrivati qui non vi ho ancora convinto, provate a leggere questo articolo, dove si scrive "in un mondo come quello attuale, dove la comunicazione digitale è fondamentale, è evidente che i blogger possono essere considerati i nuovi comunicatori del XXI secolo, ossia i nuovi prescriptor. E questo significa che per il settore turistico i blogger, in quanto influencer, hanno un ruolo strategico; ovviamente, stiamo parlando di blogger professionisti e responsabili, informati sul mondo del turismo e sulle dinamiche della promozione turistica, con una credibilità accertata e soprattutto capaci di raccontare storie." articolo completo - clicca QUI

Chissà se in futuro ci sarà l'ALBO DEI BLOGGER? 

Chissà!??! Per ora mi piacerebbe che il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo lo comprendesse e mettesse il biglietto GRATUITO ai travel blogger professionisti tanto quanto i giornalisti per le entrate nei musei, aree archeologiche e gallerie statali, perché i privati questo l'hanno capito e quasi sempre siamo i benvenuti e "a gratis". Oppure che il settore del turismo all'aria aperta desse una sferzata di novità ed iniziasse a comprendere l'importanza di comunicare attraverso i travel blogger, cosa che in altri settori turistici sta già avvenendo da tempo.

Chiudo questo mio post con questa bella frase contenuta nell'articolo di cui sopra "un buon blogger è una via di mezzo tra un amico e un esperto agente di viaggi: gode infatti della credibilità e fiducia degli utenti, esattamente come un amico, ma ha l’esperienza e la capacità di raccomandazione di un professionista del turismo.".

Ne sono certa, che chi segue il nostro portale www.vacanzelandia.com questo l'ha capito, perché è la vera essenza del nostro raccontare e gli "amici di vacanzelandi@" lo sanno! smile emoticon icons vectors set 08

Pubblicato in marzia
Mercoledì, 19 Ottobre 2016 14:36

SOS checklist trolley

Solo chi viaggia in camper o in caravan può capire questo mio SOS.

Viaggio da tantissimi anni in camper (ormai sono 14) sia per lavoro che per vacanza, una piccola casa viaggiante su ruote. La preparazione del mezzo per le partenze è sempre abbastanza veloce, ci sono oggetti che rimangono fissi sul camper, altri che vanno e vengono. Ormai è un'abitudine di dare un'occhiata alla "checklist per il turista all'aria aperta" che redigemmo qualche anno fa, completa (quasi maniacale), un'occhiata veloce alle riserve e poi si aggiunge per differenza ciò che manca.

Lo ammetto non sono una minimalista e soprattutto essendo anche una perfezionista (come raccontato nella mia BIO), vi confesso che questa volta mi sono trovata a pensare: CHE COSA DEBBO METTERE NEL TROLLEY? Viaggerò in treno e quindi avrò a disposizione soltanto un trolley  55 x 40 x 20 cm. 

Vi avevo raccontato nell'articolo  - In trepidante attesa dell'evento molto “BLOGGOSO” - che nel weekend del 22-23 ottobre andrò a VIAREGGIO per un'experience da blogger, un corso avanzato per blogging e quant'altro.

Viaggiando in camper la valigia o il trolley sono finti bagagli, mi spiego meglio, sono preparativi parziali perché molte cose sono già presenti come dotazione fissa presente della casa viaggiante (spazzolino da denti, sapone, pettine, ombrello, ciabatte, ecc.). Ho chiesto quindi aiuto alle altre travel blogger e per fortuna Silvia Ceriegi, anche coach dell'evento di cui sopra a Viareggio, mi è venuta in aiuto e mi ha indicato qualche suo articolo su Trippando della serie #NONPARTOSENZA e cercherò di stilare una mia checklist da trolley per un weekend in hotel.

Spero di non dimenticare nulla.... e voi avete qualche consiglio da darmi in merito?

 

 

Pubblicato in marzia
Venerdì, 30 Settembre 2016 08:51

La nostra Terra: un'affascinante sconosciuta!

Quanto conosciamo il nostro territorio? Noi viaggiatori siamo bravissimi ad andare alla scoperta di bellezze lontane, ma quasi sempre sottovalutiamo il nostro territorio...ahimè!

In molteplici occasioni mi rendo conto che siamo affascinati da mondi lontani e spesso abbiamo a portata di mano, a pochi chilometri da casa, un patrimonio artistico, culturale e paesaggistico che spesso conoscono gli stranieri o altri viaggiatori e noi invece ne siamo letteralmente all'oscuro.

Ricordo che anni fa eravamo in vacanza in AUSTRIA nella zona del Salzkammergut (Salisburghese), parlando con un vicino di piazzola in campeggio gli menzionavo la bellezza del paese di Hallein affacciata e incastonata sul lago, lui mi rispose che anche noi in Italia potevamo vantare una bellezza simile con Limone sul Garda (che io non conoscevo!). 1:0 per lui 

In occasione di una vacanza nella Foresta Nera, abbiamo visitato le cascate di TRIBERG, definite le più alte della Germania (alte m 163 con 7 balzi), ci siamo resi conto che noi in Italia ne abbiamo tante di cascate molto più alte di queste! 1:0 per il nostro territorio

Viaggiare in lungo e largo ma....

La mia riflessione che ho maturato da tempo è quella sì di viaggiare, ma anche di amare il proprio territorio e prefiggersi di conoscerlo, scoprirlo e amarlo. Quando nel 2012 subimmo il terremoto dell'Emilia scrissi l'articolo "I love Cento .....e non è mai troppo tardi per accorgersene!", dove scrissi che "a volte le cose belle ed interessanti sono proprio lì a due passi da noi" e siccome penso che ogni male non venga per nuocere, da lì maturai la voglia di conoscere meglio il nostro territorio, scoprirlo con gli occhi del turista. Quindi? Quando c'è l'occasione, interessanti sono anche le iniziative ministeriali per le aperture dei musei gratis tutte le prime domeniche del mese o altre iniziative, io e Lorenzo ce ne andiamo a scoprire la nostra terra, sconosciuta a noi, ma visitata e valorizzata dagli stranieri.

Domenica scorsa siamo stati a CARPI, in provincia di Modena, mai visitata, abbiamo scoperto una bella cittadina e soprattutto da "emeriti ignoranti" abbiamo appreso che è stata il più grosso centro di smistamento di deportati con il suo campo di concentramento.....ve lo racconterò sul nostro portale con una scheda nella sezione "ITINERARI e METE".

Concludo con una bella frase di Abraham Lincoln:

"Mi piace vedere un uomo orgoglioso del posto in cui vive..mi piace vedere un uomo che vive in un modo tale..che il suo posto sarà orgoglioso di lui…"

Pubblicato in marzia

Benvenuto nel nostro BLOG!

logo caricatura vacanzelandia 02

Ci teniamo a darvi il BENVENUTO SUL NOSTRO BLOG! 

Era in progetto da tempo di poter avere un salotto (idealmente una dinette o veranda virtuale ), un punto d'incontro dove trovarsi, farvi conoscere chi siamo, come lavoriamo, come viviamo nella vita privata.  LEGGI TUTTO

Marzia Mazzoni

marzia orvieto 100

Viaggiatrice nel DNA, camperista, travel blogger, mamma e moglie, adoro fotografare e la buona cucina. WEB dipendente!

Leggi ora i miei articoli

Lorenzo Gnaccarini

lorenzo s

Nato in tenda, cresciuto con la caravan e maturato con il camper. Campeggiatore e camperista, travel blogger, padre e marito, sono curioso, tecnico, sempre connesso.

Leggi ora i miei articoli

Rimani in contatto con noi

newsletter blog

Visita il nostro portale