Il 2017 è l'anno dei Borghi e noi di vacanzelandi@ siamo andati al convegno a Bologna

Quando ci è arrivata l'email che ci invitava a partecipare al convegno "Focus BORGHI d’ITALIA verso la XXI edizione della Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia", abbiamo subito pensato: finalmente qualcuno che pensa che il turismo deve essere sviluppato anche nei piccoli paesi, nelle località fuori dal turismo di massa.

Infatti, è sempre stato l'obiettivo di www.vacanzelandia.com, e voi che ci leggete lo sapete benissimo, quello di valorizzare i piccoli paesi, i luoghi meno conosciuti dalle masse, proprio perché il camperista e campeggiatore ama scoprire angoli nascosti della nostra bella Italia, entrare a contatto con la storia e tradizioni del luogo e portarsi a casa un bellissimo ricordo grazie ai sapori degustati ed ai prodotti tipici acquistati sul posto, casomai direttamente dal produttore.

E ci fa molto piacere vedere che siete tantissimi che leggete e scaricate gli Itinerari e Mete su www.vacanzelandia.com: centinaia di diari di viaggio e mete realizzati veramente proprio su piccoli borghi e località poco conosciute, raggiungibili con il camper, e siamo orgogliosi che anche le istituzioni stiano pensando a sviluppare questo tipo di turismo.

Allora, abbiamo subito prenotato il nostro posto e giovedì 18 maggio 2017 siamo andati a Bologna, presso la Pinacoteca Nazionale, per assistere a questo convegno che è durato tutta la mattinata. Siamo stati molto contenti di vedere tanti giovani studenti universitari presenti e seduti in attesa dell'inizio di questo evento.

convegno borghi 01

 

Ecco cosa è emerso dal convegno

E' stato un convegno molto intenso, senza soste, dove i relatori si sono susseguiti con interventi di altissimo livello e ricchi sostanza, gestiti in maniera impeccabile da Robert Piattelli, Co-Founder di BTO Eductional.

Tra i relatori di spicco, segnaliamo Andrea Corsini - Assessore al Turismo per la Regione Emilia Romagna, Alessandro Tortelli - Direttore Scientifico Centro Studi Turismo, Ottavia Ricci - Consigliera del Ministro Dario Franceschini per la sostenibilità nel turismo, Laura Shiff - Dirigente Regione Emilia Romagna responsabile dei progetti interregionali, Gianni Bastianelli - Direttore Esecutivo Agenzia Nazionale del Turismo ENIT, e tanti altri relatori di associazioni nazionali legati al turismo ed imprenditori del turismo. Ha concluso il convegno l'intervento di Francesco Palumbo - Direttore Generale DG Turismo del Ministero dei beni ed attività culturali e del turismo MiBACT.

Dopo aver sentito le parole del Ministro Franceschini, lette durante il convegno, "I borghi che costellano il territorio delle nostre regioni, ricchi di storia, cultura e tradizioni, sono il cardine di crescita di un turismo sostenibile, capace di creare autentiche esperienze per i visitatori e di permettere lo sviluppo armonico delle comunità che vi vivono", abbiamo avuto la conferma che il nostro lavoro è stato costruito sulle solide basi e che ora anche lo stato italiano sta iniziando a capire che il Turismo può diventare una colonna portante dell'economia del Paese e che può essere sviluppato dappertutto, anche in quel piccolo borgo che ha tante cose uniche da raccontare e da far vivere ai turisti.

Anche i numeri presentati nelle slide hanno confermato che i piccoli borghi possono diventare un grande polo attrattivo, proprio per le caratteristiche uniche che ciascuno possiede: questo è un momento positivo per l'industria del turismo, non solo balneare, ma soprattutto turismo di cultura, di città d'arte e luoghi più nascosti, come i borghi storici. Sono 5568 i comuni italiani al di sotto dei 5000 abitanti e rappresentano il 70% del totale e che occupano il 54% della superficie del territorio nazionale. Il 50% dei viaggiatori che scelgono di trascorrere le vacanze nei borghi sono stranieri.

convegno-borghi-02.jpg convegno-borghi-03.jpg convegno-borghi-04.jpg

Nei borghi i viaggiatori vivono una vacanza esperenziale, a contatto con le persone del borgo, assaggiano i prodotti tipici, quindi lo sviluppo dei borghi non deve solo essere ambientale, ma visto anche in prospettiva sociale ed economico.

Dagli interventi è emerso anche il disappunto degli imprenditori che fanno fatica a competere a causa dei costi e tasse. I relatori imprenditori hanno espresso questo fondamentale concetto: senza orgoglio di far vedere il proprio paese, non ci può essere turismo. Il turismo è lavoro, cultura dell'ospitalità e orgoglio del cittadino. Bisogna ritornare ad un turismo EQUO e gestito a livello Centrale, non Regionale, mantenere la specificità e tipicità e rilanciare l'ETICA, così si guadagna tutti.

convegno borghi 05

 

Le nostre riflessioni

Anche se non si è parlato in maniera specifica del turismo all'aria aperta, confidiamo che i prossimi tavoli di lavoro possano essere il luogo per discutere anche dei vantaggi immediati che il turismo all'aria aperta può portare ai piccoli borghi con un minimo di investimento, accogliendo questo tipo di viaggiatore che ama scoprire le piccole bellezze del nostro Paese e vivere esperienze indimenticabili a contatto con le persone e con le tradizioni, gustando i prodotti tipici e portando a casa queste piccole esperienze che, tutte insieme, fanno grandi le persone.

www.vacanzelandia.com ha sempre messo a disposizione la propria esperienza per aiutare le amministrazioni locali e imprenditori a sviluppare turismo e ciò grazie anche a PROMOCAMP, l'associazione nazionale che raggruppa gli imprenditori del turismo all'aria aperta, di cui facciamo parte e con la quale stiamo lavorando in alcuni specifici progetti che porteranno alla creazione di strutture ricettive proprio per sviluppare il turismo in quelle aree e paesi dove i camperisti e campeggiatori possano dare quella spinta in più per crescere l'economia locale.

Ci auguriamo che anche i politici e tecnici che stanno lavorando su progetti per incrementare il turismo, prestino la giusta attenzione al turismo all'aria aperta, che è destagionalizzato ed è composto da persone che vogliono vivere le vacanze proprio in linea con quello che questo convegno ha fatto emergere: turismo lento, dell'autenticità e della qualità della vita.

Noi sappiamo che questo nostro pensiero è quello che pensate voi, amici camperisti e campeggiatori che ci leggete, e siamo certi che se ci sarà data la possibilità di contribuire ad incrementare lo sviluppo turistico del nostro settore non ci tireremo di certo indietro...

Pubblicato in lorenzo
Martedì, 04 Aprile 2017 07:55

Auguri "vecchio" compagno di viaggio...

... 18 anni - oltre 150.000 km e non sentirli

Era il lontano 7 aprile 1999 quando fu immatricolato, nostro figlio Filippo direbbe "nel secolo scorso", per lui che è nato nel 2001!! E quest'anno sono 18 anni, la maggiore età nella vita di un uomo, un traguardo storico per un veicolo ricreazionale che "grazie a Dio", non ci ha mai lasciato a piedi, anzi sì, soltanto una volta per Pasqua (alla Riviera del Brenta - l'abbiamo raccontato nel diario di viaggio QUI), ma a parte questo piccolo inconveniente, si è sempre comportato bene... un vero e proprio compagno di viaggio!

I migliori anni della nostra vita...

Suona come il ritornello della canzone di Renato Zero, ma è proprio così, tutto vero, da quando il camper è entrato nella nostra vita, la quotidianità è diventata più entusiasmante, tanto c'è lui, il nostro amato camper, che ci porta in giro e ci fa godere appieno la passione per la scoperta, per i viaggi, per il conoscere quello che c'è altrove. In un post di qualche mese fa scrivemmo "l v.r. custodisce un'inspiegabile MAGIA"... non è così anche per voi?

Era l'ottobre del 2002, Filippo all'epoca aveva 20 mesi e noi volevamo coniugare la voglia di viaggiare con le esigenze della famiglia che si muove con un bimbo. La scelta fu di acquistare un camper, una storia che abbiamo raccontato sul nostro portale, se l'avete persa la potete leggere QUI e da quel giorno tutto cambiò, in meglio naturalmente! Il camper è diventato un "componente della famiglia", solo chi ha la passione come noi, può capire questa affermazione, molto forte e vera!

Camper, passione, professione

Il camper è entrato nella nostra famiglia e ha trasformato la nostra passione per i viaggi in un vero e proprio stile di vita, l'amore per il turismo all'aria aperta che ci ha portato, non soltanto a percorrere le strade della nostra bella Italia e dell'Europa, ma a conoscere tante persone che condividono il nostro modo di viaggiare. Una passione talmente forte che siamo riusciti a trasformarla in una professione, ormai chi ci conosce, sa la nostra storia (per chi è nuovo può leggere la storia di VACANZELANDIA - QUI). Un semplice camper del 1999, un modello entry-level che diventa l'elemento determinante per far cambiare la vita a due persone... non vi sembra straordinario?! A noi sì, tanto.

Il nostro camper è...

un componente della famiglia, un mezzo di trasporto per quando siamo espositori alle fiere (all'interno trasportiamo tutto il necessario per lo stand!), il simbolo della libertà, del divertimento, della gioia di uscire dalla quotidianità, un veicolo che ci permette di spostarci e raggiungere le mete prescelte senza vincoli di prenotazioni... e vi sembra poco?!? Negli anni il nostro camper si è adattato alle nostre evoluzioni, le sue trasformazioni si sono adeguate alle nostre esigenze sia famigliari che lavorative. Abbiamo adattato l'interno con accorgimenti che possono farci sentire sempre a nostro agio sia se viaggiamo per lavoro che in famiglia. Un vecchio fedele compagno di viaggio!

 

Non sono gli anni della tua vita che contano ma la vita dei tuoi anni… auguri per i tuoi 18 anni "camperino"!!!

 

Pubblicato in marzia
Venerdì, 16 Settembre 2016 10:06

Dammi tre parole: libertà, avventura e natura

Turismo all'aria aperta sinonimo di libertà, avventura e natura. Erano già sensazioni che provavo io, me ne hanno dato conferma gli amici camperisti e campeggiatori. 

Qualche minuto di pausa dallo stand in occasione del Salone del Camper di Parma e mi sono ritrovata a curiosare nel padiglione 2 in cerca di idee e mi sono imbattuta in una foto utilizzata a livello promozionale, nessuna meta o paesaggio straordinario ma che secondo me ben rappresentava il turismo all'aria aperta. L'ho condivisa sul mio profilo Facebook chiedendo agli amici di scrivere la prima cosa che gli veniva in mente guardando quella foto.

La foto rappresenta?

Tanti i commenti di amici camperisti e campeggiatori che hanno risposto alla richiesta di che cosa rappresentava per loro questa foto, ma le parole che si sono maggiormente ripetute sono state:

  • libertà
  • avventura
  • natura

Sono d'accordo con loro, tre parole magiche che racchiudono la vera essenza del turismo all'aria aperta, tre parole che rendono l'idea di chi ha scelto le vacanze in camper, caravan e io aggiungerei anche in tenda, che cosa sta cercando chi non l'ha ancora provato e che cosa è riuscito a realizzare muovendosi con tali mezzi chi già è veterano in questa esperienza.

Libertà da...

La libertà è un concetto semplice, se non ne sai il significato" cantava Malika Ayane e chi ha già provato di viaggiare in camper, caravan e tenda lo sa bene, che questo tipo di vacanza non è soltanto la libertà di non dover sottostare a noiose prenotazioni, ma la libertà di questo modo di viaggiare ha tante sfaccettature che sicuramente non lo rende un concetto semplice. Libertà di poter scegliere di andare dove voglio, quando voglio e come voglio e se non mi piace metto in moto e ho la libertà di cambiare ancora. Libertà di mangiare quando voglio e che cosa voglio. La libertà di aver scelto la libertà del proprio tempo libero.

Avventura è... 

Credo siano pochi gli amici camperisti e campeggiatori che possano vantare avventure simili a quelle realizzate da Indiana Jones, chi indica la parola avventura riferito a ciò che si può realizzare in camper, caravan e tenda è ben altro! Viaggiare con il camper, la caravan e la tenda è quella di non dover sottostare a vacanze preconfezionate in primis. Avventura intesa come scoperta, vacanze attive, che ognuno di noi può costruire scoprendo pianificando l'itinerario e poi chilometro dopo chilometro conoscere gente nuova, paesi nuovi e sconosciuti perché il camperista e campeggiatore diventa parte integrante del territorio ospitante. Ogni volta è un'avventura diversa!

Natura alleata e amica

Molti hanno scelto le vacanze in camper, caravan e tenda perché amano la natura, in senso stretto e in senso lato. C'è chi l'ha scelta perché ama immergersi in contesti naturalistici e quindi con la casa viaggiante è possibile vivere il territorio e godere delle bellezze straordinarie della natura. Tanti hanno scelto questo modo di viaggiare perché amano la natura attraverso gli animali e quindi la versatilità di viaggiare con i propri amici a quattro zampe (e perché no anche a due zampe!!) a bordo ha permesso a tante persone di spostarsi senza dover rinunciare alla loro compagnia. Natura da godere in viaggio con un'andatura slow, ma natura da godere in sosta, natura da godere in ogni attimo della giornata. 

Credo che ogni camperista e campeggiatore abbia nel proprio archivio fotografico almeno una foto dove il proprio mezzo è protagonista immerso nella bellezza della natura!!! Alzi la mano chi di voi non ha ancora fotografato un'alba o un tramonto dal proprio mezzo in sosta?

In questi giorni abbiamo scattato un paio di foto di tramonti qui a Parma in occasione del Salone del Camper, affascinanti immagini realizzate in un banale parcheggio delle fiera che vogliamo condividere con voi, 

tramonto parma salonetramonto salone

 

E come è stato scritto in uno degli ultimi commenti del post di Facebook di cui sopra "Il viaggio continua...."

Pubblicato in marzia

Benvenuto nel nostro BLOG!

logo caricatura vacanzelandia 02

Ci teniamo a darvi il BENVENUTO SUL NOSTRO BLOG! 

Era in progetto da tempo di poter avere un salotto (idealmente una dinette o veranda virtuale ), un punto d'incontro dove trovarsi, farvi conoscere chi siamo, come lavoriamo, come viviamo nella vita privata.  LEGGI TUTTO

Marzia Mazzoni

marzia orvieto 100

Viaggiatrice nel DNA, camperista, travel blogger, mamma e moglie, adoro fotografare e la buona cucina. WEB dipendente!

Leggi ora i miei articoli

Lorenzo Gnaccarini

lorenzo s

Nato in tenda, cresciuto con la caravan e maturato con il camper. Campeggiatore e camperista, travel blogger, padre e marito, sono curioso, tecnico, sempre connesso.

Leggi ora i miei articoli

Rimani in contatto con noi

newsletter blog

Visita il nostro portale